Dettagli opera: LA PISTA DI SABBIA

Di seguito i dettagli dell'opera selezionata. Si può procedere al download dal link presente al termine della scheda

Autore:
CAMILLERI ANDREA
Titolo:
LA PISTA DI SABBIA
Edito da:
SELLERIO
Anno di edizione:
Genere:
ROMANZO POLIZIESCO
Formato di registrazione:
DAISY
Codice isbn:
8838922169
Durata:
414 minuti
Dimensione file:
247401208
Lettura eseguita da:
ISCHIALE MADDALENA
Livello di lettura:
PRIMO LIVELLO

Risguardo di copertina

L'INCUBO è LA CAVALLA DELLA NOTTE: LA FANTASIMA SGANASCIANTE, CON FROGE E ZOCCOLI. ABITALA COSCIENZA DISFATTA DAL SONNO, IL BUIO ACCIDIOSO DEGLI ISTINTI, LA CECITà DELLE TENTAZIONI, IL RODìO DEI RIMPIANTI E DELLE NOSTALGIE NELLA COSTERNAZIONE PER IL TEMPO CHE SI VORREBBE FERMO E INVECE SOPRAVANZA E SOVERCHIA. L'INCUBO è LA QUALITà EQUINA, L'ASTRAZIONE CHE GOVERNA QUESTO ROMANZO DI AMAZZONI E DI ALLEVATORI DI CAVALLI PUROSANGUE, AMBIENTATO TRA SCUDERIE E MANEGGI, IPPODROMI E PISTE: TRA CORSE CLANDESTINE E CORSE DI BENEFICENZA. UN MONDO NUOVO SORPRENDE E SPIAZZA IL COMMISSARIO MONTALBANO. UNA SOCIETà CHE STREPITA A VUOTO, SU QUELLA LINEA LOGORA CHE A STENTO SEPARA UN VESTIBOLO DI IGNAVI, DI SMIDOLLATI E DI VIZIOSI (ARISTOCRATICI ALCUNI, MA PER LO PIù IMPRENDITORI E UOMINI D'AFFARI), DALL'"INFERNO" DELLA VECCHIA E DELLA NUOVA MAFIA. UN "SUON DI MAN" ECHEGGIA, IN QUESTO VESTIBOLO, COME IN QUELLO DELL'INFERNO DANTESCO. MA SE I "CATTIVI" DI DANTE ERANO "STIMOLATI MOLTO" DA "MOSCONI" E "VESPE", QUESTI LUNATICI CIRCENSI SPIACCICANO SULLE LORO GOTE NUGOLI DI MOSCERINI. TUTTO RUOTA ATTORNO ALLA CARCASSA RAPITA DI UN CAVALLO DA CORSA. E A UN CADAVERE TROVATO SEMINUDO, CON UN PROIETTILE IN CORPO, BUTTATO AL SOLE E AI CANI. DUE ROMANZI SI CHIUDONO L'UN DENTRO L'ALTRO. LE PISTE SI INTRECCIANO E SI CONFONDONO. CIò CHE SEMBRA CHIARO AL DRITTO, SI RIVELA OSCURO AL ROVESCIO. MONTALBANO CAVALCA UN DOPPIO INCUBO. MONTA DAPPRIMA SULLA "CAVADDRA-FìMMINA". E POI, MALDESTRO, INFORCA UN CAVALLO DI BRONZO: UN ORDIGNO METAMORFICO, CHE LO TRABALZA "CON LA FACCIA VERSO IL CULO DELLA VESTIA", E LO PORTA SU PISTE DI SABBIA, Là DOVE LE ORME SI SPERDONO E CANCELLANO. MONTALBANO è UN ARUSPICE ANNEBBIATO DAI GABBAMENTI DELLA MEMORIA E DAGLI "INCUBI" DELL'INCIPIENTE VECCHIAIA. AVREBBE BISOGNO DI UN PAIO D'"OCCHIALI". SENTE LA BESTIA SOTTO DI Sé. MA FORSE è LUI STESSO UN "CAVALLO" CONDOTTO DA EVENTI CHE NON SA DECIFRARE. COME LA MADONNA ORETTA DI UNA NOVELLA DEL DECAMERON, IL COMMISSARIO SCENDERà INFINE DAI "CAVALLI" DI "DURO TROTTO" E DI ANDATURA SBAGLIATA (A BARZELLONI E TRABALLONI). SI RITROVERà. TORNERà AI CONSUETI AVVEDIMENTI: TRUCCHI, "SFUNNAPIEDI", O "SALTAFOSSI". E ANCORA UNA VOLTA, SENZA AUSILIO D'OCCHIALI, SAPRà RICOMPORRE, LEGGERE, E RACCONTARSI, UNA "BELLISSIMA" STORIA. (SALVATORE SILVANO NIGRO)

Centro nazionale del libro parlato Francesco Fratta

Via Borgognona 38 - 00187 Roma