Libri più scaricati

Ecco la classifica dei 20 libri più scaricati.

TRENOW LIZ: IL MERCANTE DI SETA

Risguardo di copertina

inghilterra, 1760. anna butterfield arriva a londra per trascorrere qualche mese dalla zia. ma per lei, che è orfana di madre e ha sempre vissuto in una tranquilla casa di campagna, la metropoli è fin troppo grande e caotica. in più gli zii sono rigidi e le impongono abitudini consone al loro status sociale. un giorno anna, dopo essere uscita di nascosto di casa, si ferma presso un negozio di fiori e comincia a dipingere ciò che vede. in modo del tutto casuale quel disegno finisce tra le mani di henri, un tessitore di seta di origini francesi, giunto nella capitale in cerca di fortuna. è l'inizio di un idillio artistico: henri, colpito dalla bellezza delle opere di anna, decide di utilizzarle per le sue nuove creazioni. eppure il destino di anna è un altro, lontano dal mondo bizzarro e tormentato dell'arte. lo zio, infatti, vuole sistemarla facendole sposare un giovane e ricco avvocato. anna e henri dovranno lottare per difendere il loro amore clandestino e le loro aspirazioni.

DE GIOVANNI MAURIZIO: SARA AL TRAMONTO

Risguardo di copertina

sara non vuole esistere. il suo dono è l'invisibilità, il talento di rubare i segreti delle persone. capelli grigi, di una bellezza trattenuta solo dall'anonimato in cui si è chiusa, per amore ha lasciato tutto seguendo l'unico uomo capace di farla sentire viva. ma non si è mai pentita di nulla e rivendica ogni scelta. poliziotta in pensione, ha lavorato in un'unità legata ai servizi, impegnata in intercettazioni non autorizzate. il tempo le è scivolato tra le dita mentre ascoltava le storie degli altri. e adesso che viola, la compagna del figlio morto, la sta per rendere nonna, il destino le presenta un nuovo caso. anche se è fuori dal giro, una vecchia collega che ben conosce la sua abilità nel leggere le labbra – fin quasi i pensieri – della gente, la spinge a indagare su un omicidio già risolto. così sara, che non si fida mai delle verità più ovvie, torna in azione, in compagnia di davide pardo, uno sbirro stropicciato che si ritrova accanto per caso, e con il contributo inatteso di viola e del suo occhio da fotografa a cui non sfugge nulla.

DE GIOVANNI MAURIZIO: RONDINI D'INVERNO

Risguardo di copertina

il natale è appena trascorso e la città si prepara al capodanno quando, sul palcoscenico di un teatro di varietà, il grande attore michelangelo gelmi spara con la pistola contro la moglie, fedora marra. nulla di strano, succede tutte le sere, ogni volta che i due recitano nella canzone sceneggiata: solo che dentro il caricatore, quel 28 dicembre, tra i proiettili a salve ce n'è uno vero. gelmi giura di non aver mai avuto intenzione di uccidere fedora, ma in pochi gli credono. il caso sembrerebbe già risolto, eppure ricciardi non è convinto. cosí, mentre il fedele maione aiuta il dottor modo in una questione privata, il commissario la cui vita sentimentale pare giunta a una svolta decisiva. si dedica con pazienza a ricostruire la vicenda. un mistero reso ancora piú oscuro da una strana nebbia calata all'improvviso e che riserverà un ultimo, drammatico colpo di coda.

MEREDITH WILD: 3° LIBRO DELLA SERIE THE HACKER - SENZA PENTIMENTO

Risguardo di copertina

un fenomeno internazionale. una storia d’amore sensuale. una serie che dà dipendenza.<«non so come sia possibile, ma meredith wild migliora sempre e riesce a stupire ogni volta!»erica ha dato a blake la sua fiducia e il suo amore e ha stabilito che affronteranno tutte le sfide insieme. e proprio perché chiede di più a questo rapporto è costretta a sfidare i desideri oscuri che ha tenuto nascosti fino a ora. ma una volta uscita allo scoperto, le cose non saranno più così semplici e il pericolo di perdere tutto è imminente...

AA.VV.: LA COMPAGNIA DEI LETTORI 3

Risguardo di copertina

(non impostato)

MAZZANTI MARIO - MARTUCCI MARIO: GAZ!

Risguardo di copertina

le indagini per due omicidi apparentemente legati al mondo della prostituzione vengono affidate al commissario benni; le vittime sono un transessuale brasiliano e un portaborse di un noto uomo politico a capo di una commissione per gli scambi commerciali con la russia. l'assassino pare essere il compagno geloso del transessuale ma benni, osteggiato da tutti, scoprirà il reale colpevole.

MEYER STEPHENIE: ECLIPSE

Risguardo di copertina

è il terzo titolo della saga di stephenie meyer sulla storia d'amore tra la giovane bella e il vampiro buono edward, dopo "twilight" e "new moon". mentre seattle è funestata da una serie di strani omicidi e una vampira spietata continua a darle la caccia, bella si trova ancora una volta in serio pericolo. è arrivato per lei il momento delle decisioni e dei sacrifici: basterà il fidanzato edward a farle dimenticare il migliore amico jacob? troverà il coraggio necessario a diventare una cullen? obbligata a scegliere fra l'amore e l'amicizia, è consapevole che la sua decisione rischia di riaccendere la millenaria lotta fra vampiri e licantropi. nel frattempo l'esame di maturità è alle porte e per bella il momento della verità si avvicina...

TERRANOVA NADIA: ADDIO FANTASMI

Risguardo di copertina

una casa tra due mari, il luogo del ritorno. dentro quelle stanze si è incagliata l'esistenza di una donna. che solo riattraversando la propria storia potrà davvero liberarsene. nadia terranova racconta l'ossessione di una perdita, quel corpo a corpo con il passato che ci rende tutti dei sopravvissuti, ciascuno alla propria battaglia. ida è appena sbarcata a messina, la sua città natale: la madre l'ha richiamata in vista della ristrutturazione dell'appartamento di famiglia, che vuole mettere in vendita. circondata di nuovo dagli oggetti di sempre, di fronte ai quali deve scegliere cosa tenere e cosa buttare, è costretta a fare i conti con il trauma che l'ha segnata quando era solo una ragazzina. ventitre anni prima suo padre è scomparso. non è morto: semplicemente una mattina è andato via e non è piú tornato. sulla mancanza di quel padre si sono imperniati i silenzi feroci con la madre, il senso di un'identità fondata sull'anomalia, persino il rapporto con il marito, salvezza e naufragio insieme. specchiandosi nell'assenza del corpo paterno, ida è diventata donna nel dominio della paura e nel sospetto verso ogni forma di desiderio. ma ora che la casa d'infanzia la assedia con i suoi fantasmi, lei deve trovare un modo per spezzare il sortilegio e far uscire il padre di scena.

LANSDALE JOE R.: ECHI PERDUTI

Risguardo di copertina

harry è un ragazzo come tutti gli altri. o meglio, quasi come tutti gli altri. a renderlo diverso dai suoi coetanei è un potere che somiglia più a un incubo che a un dono. infilandosi per gioco in un vecchio locale in disuso, si è visto scorrere davanti agli occhi la scena dell\'omicidio di una donna, avvenuto alcuni anni prima. chi in paese non ha sentito parlare di quella vicenda? harry, però, la rivive come se si stesse verificando sotto i suoi occhi, e gli sembra anche di scorgere il volto del colpevole. da quel giorno, l\'unica preoccupazione di harry è dimenticare il dono che lo ossessiona, ma proprio quando, anche grazie all\'amore, sembra riuscirci, assiste, come in un film dell\'orrore, a una scena di violenza inaudita, che sembra avere fra i protagonisti il padre della sua ragazza. un nuovo, terribile trauma, che harry potrà affrontare solo con l\'aiuto di kayla, una vecchia fiamma ora entrata in polizia che ha anche lei dei demoni di cui vuole sbarazzarsi: insieme, andranno fino in fondo, alla ricerca della verità.

HEALEY EMMA: ELIZABETH E' SCOMPARSA

Risguardo di copertina

"elizabeth è scomparsa!" è scritto sui fogli che maud si ritrova nelle tasche, appiccicati al frigo, vicino al telefono, e per di più scritti a mano con la sua grafia. maud sta diventando un po' smemorata e la sua presa sulla realtà a volte vacilla. continua a comprare barattoli su barattoli di pesche sciroppate quando ne ha la dispensa piena, si dimentica di bere le tazze di tè che ha appena preparato, e scrive un sacco di appunti per ricordare a se stessa le cose. non si dimentica però della sua amica elizabeth, scomparsa e probabilmente in pericolo. ma nessuno sembra darle retta, non sua figlia, non le infermiere che vengono a prendersi cura di lei, non i poliziotti, e nemmeno peter, l'egoista figlio di elizabeth. maud è sospettosa, non ha la minima fiducia nelle loro rassicurazioni ed è determinata a scoprire cosa è successo. ancora non sa che le sue smemorate ricerche stanno per condurla indietro di cinquant'anni, nell'inghilterra dell'immediato dopoguerra, alla sua infanzia e a un mistero irrisolto che aleggia come un fantasma sulla sua famiglia: la scomparsa dell'adorata sorella maggiore sukey. e se il mistero della scomparsa di sukey contenesse la chiave per ritrovare elizabeth? emma healey intreccia il potere ambiguo dei nostri ricordi con la forza dei sentimenti, in un puzzle misterioso dove i tasselli vengono mescolati di continuo fino all'ultima pagina.

RUSSO CARLA MARIA: LE NEMICHE

Risguardo di copertina

quando isabella d'este scopre che suo padre, il duca di ferrara ercole i, ha scelto come moglie per l'erede al trono la donna più discussa della penisola, lucrezia borgia, figlia bastarda del papa, già sposa di due mariti, il primo ripudiato, il secondo ucciso in circostanze ambigue, il suo animo ne resta completamente sconvolto. la figlia di una tenutaria di bordello, come amava definirla, non può mischiare il suo sangue con quello purissimo e regale degli este. accolta con freddezza e disprezzo da tutti, lucrezia, donna di fascino e di straordinaria bellezza, amante del lusso e del divertimento, riesce tuttavia a guadagnarsi i favori di almeno una parte della corte ferrarese, in particolare dei giovani e affascinanti fratelli di isabella, attratti dalle feste memorabili e dalla folta schiera di damigelle di cui si circonda, fra le quali brilla l'astro della irresistibile angela borgia. questo successo genera fra le due donne una ostilità ancora più marcata e nuovi e più accaniti contrasti, che culminano con il tentativo da parte di lucrezia di umiliare la rivale nella sua femminilità, portandole via un affetto a lei molto caro. ma la marchesa di mantova, donna di impareggiabile classe, cultura e acume, abile e scaltra più delle sue stesse spie, non è persona da lasciare impuniti gli oltraggi subiti e la sua vendetta sarà feroce e implacabile. intorno a queste due donne indimenticabili, gli intrighi, i tradimenti, le congiure che dilaniano due fra le più potenti corti del rinascimento, ma anche gli amori travolgenti e impossibili, forieri di stragi e tragedie familiari.

VANOLI ALESSANDRO: IDOLATRIA

Risguardo di copertina

idolatra! con quest'accusa l'infedele può diventare il nemico. chi difende l'unico dio indica la colpa del proprio avversario: tu adori falsi dèi! in nome di questo peccato si scatenano guerre, vengono anneriti i dipinti, colpite le statue; le rovine di civiltà sepolte vengono distrutte, colpevoli di portare le tracce di idoli fasulli. l'accusa di idolatria è stata usata contro i pagani ma anche nei confronti di ebrei, cristiani o musulmani. è antica quanto il monoteismo eppure non è scomparsa. questo libro ne ripercorre la storia: dalle prime attestazioni ebraiche, ai padri della chiesa, fino all'avvento dell'islam; poi il nuovo mondo e i suoi simulacri, lo scontro tra protestanti e cattolici, e infine il settecento dei lumi, quando l'idolatria smise di essere uno strumento per giudicare altre religioni. almeno per un certo tempo: perché gli anni a noi più vicini hanno dimostrato che gli dèi son ben più tenaci di quello che molti storici avevano supposto. e qualcuno ne ha ancora paura

MONICA TOZZI - ANDREA FANTACCI: NOI NON SAREMO MAI COME LORO

Risguardo di copertina

questa storia di vita è dedicata ai ragazzi di oggi. quelli che non hanno vissuto sulla propria pelle la realtà della guerra e non hanno neanche la testimonianza diretta dei racconti dei genitori o dei nonni. li vuole aiutare a comprendere perché tante persone, ma soprattutto i giovani di settant'anni fa, abbiano deciso di opporsi alla dittatura fascista, passando nelle fila della resistenza e pagando, in molti, con la vita questa loro scelta. vogliamo dare un futuro alla memoria. gli autori, si sono conosciuti all'università di siena dove si sono laureati in discipline demoetnoantropologiche. la loro vita, si è arricchita sia con la ricerca sul campo e la riproposta di documenti dell'oralità popolare, ma soprattutto attraverso la frequentazione di persone speciali come aristeo biancolini. i due campi di interesse che possono sembrare lontani sono in realtà due facce della stessa medaglia: la memoria.

CAROFIGLIO GIANRICO: AD OCCHI CHIUSI

Risguardo di copertina

nelle giornate dell'avvocato guerrieri, ogni tanto - ma sempre troppo spesso per il bene della sua carriera - piomba una pratica, di quelle che non portano nã© soldi nã© gloria, ma solo nuovi nemici. lui non riesce a rifiutarla, una specie di molla gli scatta dentro. la nuova pratica di "ad occhi chiusi" gli prospetta una giovane donna vittima di maltrattamenti che ha avuto il coraggio di denunciare l'ex compagno suo persecutore: nessun avvocato vuol rappresentarla per timore delle persone potenti implicate. e la molla che gliela fa accettare sembra essere la ragazza con un'aura di inquietudine, che una sera si presenta assieme all'amico ispettore di polizia nel suo studio per chiedergli di assumere la difesa della donna tormentata. e' alta, forte, quasi minacciosa vestita con un giubbotto di cuoio nero e un paio di jeans. una poliziotta, pensa guerrieri. "lei ãš suor claudia". e inizia, in tribunale e fuori, una lotta feroce, una caccia accidentata, all'ultimo respiro: psicologicamente rischiosa, persino per quella suora enigmatica. il primo caso dell'avvocato guerrieri, "testimone inconsapevole", ãš stato considerato "uno dei migliori gialli legali usciti in italia". con questo secondo romanzo siamo in grado di affinare quel giudizio, di verificarlo. l'autore, carofiglio, possiede la capacitã  di rovesciare la lentezza tipica dei tribunali italiani che addormenta le cronache, in un elemento di vivacitã  e di azione; di tramutare il pigro senso di giustizia che pervade ambienti e contesti, in una scintilla che accende di passione. un intreccio sobrio, senza trucchi, che plasma i personaggi nel magma degli eventi: la fragile donna braccata, l'aguzzino, il padre potente reggifili del palazzo, la coraggiosa pm, l'avvocato grasso e di successo, il giudice che teme le complicazioni, e cos㬠via. e in primo piano, suor claudia. e il protagonista, l'avvocato. guerrieri, puro, appena gradasso, con un gran desiderio frustrato di riuscire ad essere un po' piã¹ mascalzone.

WINTON TIM: IL NIDO

Risguardo di copertina

tom keely, ex ambientalista impegnato molto noto, ha perso tutto. la sua reputazione è distrutta, la sua carriera è a pezzi, il suo matrimonio è fallito, e lui si è rintanato in un appartamento in cima a un cupo grattacielo di fremantle, da dove osserva il mondo di cui si è disamorato, stordendosi con alcol, antidolorifici e psicofarmaci di ogni sorta. si è tagliato fuori, e fuori ha intenzione di restare, nonostante la madre e la sorella cerchino in ogni modo di riportarlo a una vita attiva. finché un giorno s’imbatte nei vicini di casa: una donna che appartiene al suo passato e un bambino introverso. l’incontro lo sconvolge in maniera incomprensibile e, quasi controvoglia, permette che i due entrino nella sua vita. ma anche loro nascondono una storia difficile, e keely presto si immerge in un mondo che minaccia di distruggere tutto ciò che ha imparato ad amare, in cui il senso di fallimento è accentuato dal confronto continuo con la figura del padre, nev, un gigante buono impossibile da eguagliare. in questo romanzo coraggioso e inquietante, tim winton si chiede se, in un mondo compromesso in maniera irreversibile, possiamo ancora sperare di fare la cosa giusta. scritto con una prosa trascinante che rivela punte di umorismo nero e spietato, il nido è il toccante racconto dell’incontro tra due solitudini che trovano l’una nell’altra un barlume di speranza. una storia di miseria e fallimenti, dipendenze e marginalità, sullo sfondo di un’australia ricca di contrasti, in cui la bellezza struggente dei paesaggi fa a pugni con la periferia urbana, straniante e ostile, dell’estremo lembo del mondo.

CARLOTTO MASSIMO - DE CATALDO GIANCARLO - DE GIOVANNI MAURIZIO: SBIRRE

Risguardo di copertina

le sbirre di questi racconti sono creature di confine, paladine mancate, guerriere comunque sconfitte, sedotte dal delitto, soggiogate dalla vendetta, in bilico tra bene e male. il commissario alba doria indaga nel magma ribollente della rete telematica, tra le pieghe più segrete del dark web, laddove alligna l'odio che consuma il paese. il vicequestore anna santarossa è già passata dall'altra parte e vende informazioni alla mafia bulgara. sara morozzi legge le labbra della gente e interpreta il linguaggio del corpo. ha i capelli grigi e un passato tra i ranghi di un'unità impegnata in intercettazioni non autorizzate: ora ha anche un conto da regolare. dall'estremo nordest di una frontiera selvaggia fino alla napoli anonima di sobborghi e quartieri residenziali, passando per una roma in cui davvero aprile è il più crudele dei mesi e la primavera ha smesso di riscaldare i cuori, massimo carlotto, giancarlo de cataldo e maurizio de giovanni raccontano l'italia al tempo dell'illegalità globalizzata, delle "fake news", del condizionamento di massa. svelano le ossessioni, le paure e la privata ferocia di coloro che dovrebbero difendere l'ordine pubblico. inaugurano una "new wave" della letteratura nera, in cui la donna non ha più nulla di fatale, ha rinunciato alle pose marziali della giustiziera e, lontana dall'eroismo inquirente, restituisce la cupezza di una realtà quanto mai controversa.

JACKSON DAVID: ALTA VELOCITA'

Risguardo di copertina

immaginate di essere tagliati fuori dalla società. non potete avvicinarvi ai vostri amici, ai vostri colleghi, neanche alla vostra famiglia. perché se lo farete tutti loro moriranno. immaginate di dover vivere in una camera d'albergo claustrofobica, sorvegliati a vista, passo dopo passo, gesto dopo gesto. di non poter parlare neppure con un estraneo, perché un sospetto di amicizia potrebbe mettere in pericolo la sua vita. è l'isolamento più assoluto. quanto tempo può passare prima che la disperazione prenda il sopravvento? prima di essere disposti a vendere l'anima a chiunque vi offra una via d'uscita? il detective del new york police department, callum doyle, sta per conoscere le risposte a queste domande. il suo socio è stato ucciso. c'era un legame molto forte tra loro, un'amicizia in nome della quale doyle non è disposto a lasciare il caso a nessun altro. non si fermerà finché non sarà arrivato in fondo, ma non può immaginare che questo è solo l'inizio di un incubo in cui la verità si trasformerà in menzogna e la menzogna in verità. callum si ritroverà ad essere solo contro tutti a credere in una versione dei fatti che nessuno accetta e comincerà a dubitare di sé stesso e della sua mente.

SPIELBERG STEVEN: L'IMPERO DEL SOLE (FILM CON COMMENTO)


BENIGNI ROBERTO: LA VITA E' BELLA


DALTON DAVID: CON UN LUCCHETTO AL COLLO

Risguardo di copertina

«quando sid cantava "my way" sparando al pubblico, era come se realizzasse la più estrema fantasia giovanile. eppure sid non faceva quasi nulla "a modo suo". prodotto dell’impazienza della sottocultura punk e fervente devoto di vari credo del rock, veniva perennemente manipolato dagli altri. johnny rotten lo battezzò, malcolm mclaren lo progettò, vivienne westwood gli cucì le uniformi. i suoi cinici addestratori gli avevano somministrato una dieta di idee tossiche: libri su charles manson, ammennicoli nazisti, odio feroce verso il potere costituito. si fece di speed, mise su un album dei ramones e imparò da solo a suonare il basso in una notte. appena ebbe ricevuto la sua nuova identità, sid vicious divenne una sorta di golem del suo stesso nome, un fumetto maligno, una volatile bomba umana. il giocattolo che esplose. primo mostro partorito dalla hippie-generation, sid incarnava la cultura nichilista che lo trasformò in un perfetto capro espiatorio e mostro da media nato dall’inconscio, con l’aggiunta della mamma che gli dà la droga che lo uccide e si becca un assegno di 10.000 dollari dal new york post per l’esclusiva della sua storia». david dalton scrive bene, possiede l’argomento e la traduzione in italiano non lo aiuta molto a mitigare gli strafalcioni trasgressivo-giovanilisti che abbondano su questo volume. però è un fatto che "con un lucchetto al collo" intriga, come fanno di solito libri su personaggi forti. il sid vicious raccontato qui è un incrocio tra un agnello all’altare e una suprema testa di cazzo, come dire un paradigma che nella vita reale si incontra molto più spesso dell’icona che - nel rock - tutti i morti illustri tendono a diventare. lo raccontano i suoi amici, lo ricostruisce - spesso romanzando - l’autore del libro, ma la caratteristica vincente di questo volume è l’atmosfera sociale e storica che si ricrea, e che lo fa leggere velocemente e con interesse. sul piatto, naturalmente, scricchiola il vinile di "my way"...