Libri più scaricati

Ecco la classifica dei 20 libri più scaricati.

AUSTER PAUL: DIARIO D'INVERNO

Risguardo di copertina

quando sei perso, guardati intorno. dubita di tutto e cancellalo. hai una sola certezza: tu sei li. lo sei perché c'è il tuo corpo e tu sei il tuo corpo. il tuo corpo è spazio che hai attraversato, ma anche tempo che ti ha reso ciò che sei. il tempo te lo porti scritto addosso: le cicatrici sono parole (questa racconta di quando bambino scivolasti così vicino a un chiodo da poterne rimanere cieco, quest'altra ti ricorda di quando quasi uccidesti tua moglie e tua figlia) e le parole sono cicatrici (quelle che ti disse tua madre dopo che la sentisti parlare al telefono con un uomo che non era tuo padre). ma non c'è solo il dolore. c'è il piacere, tutto il piacere che hai vissuto, che ti ha travolto in questi sessantaquattro anni. e infine il corpo da cui il tuo corpo ha iniziato a esistere, quello di tua madre. la sua storia e il tuo rapporto con lei sono il cuore pulsante di questo libro (una sorta di doppio, di gemello segreto del tuo "l'invenzione della solitudine", dov'era il padre il fulcro dell'ossessione). hai capito dal silenzio con cui hai accolto la notizia della sua morte e dalla crisi di panico che ne è seguita - fu come sentire il tuo stesso corpo fuggire da te - che qualcosa era cambiato, che dovevi fermarti a ricapitolare. che eri entrato nell'inverno della vita.

CILENTO ANTONELLA: ISOLE SENZA MARE

Risguardo di copertina

"isole senza mare" è la storia parallela di due donne che attraversano l'otto e il novecento: aquila, nobile caduta in povertà e costretta a lasciare la spagna, vende se stessa e tenta il riscatto diventando l'amante del marchese campana, collezionista di arte e di vite altrui, un amore che la trascinerà in una trama di ossessioni, vendette e fantasmi. nina, ultima erede di una catena di donne che dalla spagna sono fuggite, ha più di ottant'anni, ha vissuto il fascismo e una difficile intimità famigliare percorsa da molti nodi silenziosi: orfana di padre, sposa tardiva, madre mancata. aquila e nina amano con infelicità, entrambe sono esiliate: legate a doppio filo da rimandi, coincidenze ed eredità, le loro vicende si intrecciano con un coro di indimenticabili personaggi sullo sfondo del mediterraneo. a cavallo del tempo, protagonisti assoluti di "isole senza mare" sono l'identità femminile, l'amore, deluso ora dalla morte, ora dal tradimento, e la solitudine invincibile delle donne alla soglia delle grandi come delle piccole trasformazioni.

SIMENON GEORGES: I COMPLICI

Risguardo di copertina

sin dalla prima volta in cui joseph lambert ha scoperto la faccia di edmonde nel momento del piacere (pallida come quella di una morta, con le narici contratte e il labbro superiore rialzato a scoprire i denti), lei non è stata più soltanto una florida, efficiente, taciturna segretaria: è diventata la sua complice. tra loro è nata un'intesa che non è né amore né passione, ma piuttosto la condivisione di un gioco segreto. e quando, una sera, guidando a zigzag con la sinistra mentre tiene la destra tra le cosce di lei, lambert sente dietro di sé il claxon disperato di un pullman e lo vede poi schiantarsi contro un muro, non pensa neppure a fermarsi. si limita a gettare un'occhiata, nello specchietto retrovisore, all'immenso rogo che ha provocato. solo più tardi saprà che, fra quei quarantasette bambini che tornavano dalle vacanze, c'è un unico sopravvissuto. ma chi può sapere che è lui il colpevole? colpevole di che cosa, oltretutto? e agli occhi di chi? di suo fratello, di sua moglie, degli amici con cui gioca a bridge la sera? esseri mediocri, che disprezza. come disprezza la sua stessa vita. se cercherà di sviare da sé i sospetti sarà solo per salvare quei momenti in cui, insieme a edmonde, si rifugia in un universo altro, che lo attrae in modo enigmatico: così come enigmatico, e misterioso, è il piacere della donna.

CIBRARIO BENEDETTA: ROSSOVERMIGLIO - PREMIO CAMPIELLO 2008

Risguardo di copertina

torino 1928. l'eleganza e il rigore dell'aristocrazia piemontese inchiodano una giovane donna all'infelicità di un matrimonio combinato. sulla sua strada però il destino mette l'affascinante ed enigmatico trott, ed è come se si risvegliasse da un incantesimo. tutto sta cambiando, nella società italiana ma anche dentro di lei: troppo moderna per adattarsi docilmente a proseguire nel solco tracciato dalle altre donne di famiglia, è tuttavia ancora troppo fragile per vivere la propria ribellione. sceglie dunque di trasferirsi, sola, a san biagio, una proprietà in disarmo nella campagna senese. intorno, la bufera della seconda guerra mondiale, la caduta del fascismo. il desiderio di rinascita di un intero paese finisce per coincidere con la trasformazione graduale della fattoria semiabbandonata in una moderna azienda vinicola di successo. qui, una breve e intensa riapparizione di trott precede la sua improvvisa scomparsa, misteriosa e immotivata. la protagonista ha davanti a sé tutta una vita per comprendere che il confine tra realtà e apparenza, torto e ragione, verità e menzogna può essere talmente sottile da risultare spesso impercettibile.

BELLI GIOCONDA: L'INFINITO NEL PALMO DELLA MANO

Risguardo di copertina

adamo ed èva. una giovane coppia nel paradiso terrestre. la tentazione. il peccato. l'esilio sulla terra. il dolore del parto. e la fatica di vivere. questo accade nei quaranta versetti che la bibbia dedica ai nostri progenitori. ma - si chiede gioconda belli - se andiamo al di là delle parole divine, al di là di tante testimonianze, al di là delle leggende? come era l'universo primigenio? quali furono le ragioni che spinsero èva a cogliere il frutto proibito? e cosa passava per la testa a entrambi una volta consapevoli del "peccato"? indubbiamente una grande storia. gioconda belli apre la strada verso un mondo affascinante e primitivo che ci restituisce alla cultura della civiltà giudaico-cristiana sulla quale si fonda tutta la storia dell'occidente. poesia e mistero si danno la mano in questo romanzo che ci mostra il primo uomo e la prima donna alla scoperta di se stessi. "l'infinito nel palmo della mano", in cui ritroviamo echi del realismo magico di garcia màrquez e della prima allende, è una parabola per il nostro tempo e per un futuro inaspettato

BELLI GIOCONDA: NEL PAESE DELLE DONNE

Risguardo di copertina

a faguas, un paese immaginario del centro america, si consumano giochi di potere e corruzioni politiche, rocamboleschi abusi e fantasiose depravazioni. e allora, quando proprio non se ne può più di tutti questi eccessi, dopo aver smascherato un noto magistrato che si è fatto montare in salotto una costosissima cella frigorifera per metterci un pinguino importato di contrabbando e organizzarci delle orge con gli amici politici, la giornalista super sexy viviana sansón e le sue tre amiche del club del libro fondano il partito femminista della sinistra erotica, che stravince le elezioni e ribalta la vita, la società e l’economia del paese. grazie all’aiuto del vulcano mitre, le cui esalazioni durante l€ultima eruzione hanno ridotto gli uomini senza testosterone, il nuovo governo può varare il suo programma: gli uomini a casa e le donne al lavoro! ma ecco che a pochi mesi dalla sua nomina, durante un comizio, la quarantenne e seducente presidentessa viviana sansón è vittima di un attentato. mentre il capo di stato giace in coma in un letto d’ospedale con una pallottola conficcata nel cranio, sarà il neoministro della difesa, rebeca los ríos, a occuparsi di risolvere il caso e di sedare le sommosse degli uomini, che scendono in strada a manifestare per riconquistare il loro potere nel paese delle donne. chi si cela dietro l’attentato della presidentessa? sarà dionisio, l’autista dei ricchi, che la mattina vede la vergine piangere nel suo lavandino perché le femministe stanno violando le consolidate leggi patriarcali? o si tratta di un complotto più grande e ancora tutto da svelare?

AUSTER PAUL: SUNSET PARK

Risguardo di copertina

miles heller ha ventotto anni e vive in florida. ha poco, eppure ha tutto: l'amore di un'adorabile ragazza di origini cubane, la passione trasmessagli dal padre per il baseball con le sue storie fatte di destino e casualità, e i libri, "una malattia da cui non vuole essere curato". il lavoro non è un granché, d'accordo, ma lui sembra farlo come se in quell'attività intuisse un misterioso legame con la sua esistenza: affinché le banche possano rimetterle in vendita, deve entrare nelle abitazioni abbandonate e fotografare gli oggetti che gli inquilini vi hanno lasciato. ma miles ha una vita precedente da cui negli ultimi sette anni è fuggito. e continuerebbe a farlo se il destino (o il caso) non si mettesse in mezzo: pilar, la sua ragazza, è orfana e vive con le sorelle maggiori. ed è minorenne. così quando decide di trasferirsi da miles, lui deve avere il loro consenso che ottiene corrompendo la più grande. ma dopo qualche mese, angela sanchez inizia a ricattarlo. a miles non resta che cambiare aria per un po': in fondo pilar sarà presto maggiorenne e nulla potrà separarli. si rivolge all'unico amico con cui è rimasto in contatto, bing, che insieme ad altri tre ragazzi vive a brooklyn, in una casa occupata in una zona chiamata sunset park. tornare a new york, la sua città natale, significa fare i conti con i motivi che l'hanno spinto ad andarsene di casa, significa chiarire definitivamente i motivi che hanno determinato la morte del fratello bobby.

SIMENON GEORGES: I CLIENTI DI AVRENOS

Risguardo di copertina

una città, istanbul, ancora avvolta, all'inizio degli anni trenta, da un'aura di eccitante depravazione. una giovane donna, nouchi, candidamente perversa, seraficamente crudele, e capace di sedurre chiunque senza mai concedersi a nessuno. un uomo non più giovanissimo, distinto ma squattrinato, che si è lasciato irretire, una sera, nel night-club dove nouchi lavorava come entraîneuse, e che lei manovra a suo piacimento. un gruppo di sfaccendati-artisti, giornalisti, uomini d'affari, nobili decaduti, viveur di mezza tacca -, che si ritrovano nel ristorante di avrenos e passano le notti a bere raki e a fumare hashish, e che di nouchi sono tutti più o meno innamorati. se emmanuel carrère (che ne ha tratto una sceneggiatura televisiva) ha potuto dichiarare: "i clienti di avrenos è un capolavoro", è soprattutto perché di personaggi femminili sconcertanti come nouchi non se ne incontrano molti nei romanzi di simenon - e non solo. non ha ancora diciott'anni, non è particolarmente bella, ha una faccia irregolare e "due occhi penetranti come punte di spillo"; ed è ben decisa a non conoscere mai più la miseria e la fame che hanno segnato la sua infanzia viennese. a questo scopo giocherà tutte le sue carte - anche le più rischiose. di istanbul, dove bisogna soltanto "accettare la vita come viene", abbandonandosi ai suoi perfidi incantesimi, simenon fa la cornice perfetta per le trame ambiziose e svagate della sua incantevole, implacabile protagonista.

CIBRARIO BENEDETTA: LO SCURNUSO

Risguardo di copertina

dalla napoli borbonica fastosa e miserabile, passando per la napoli sfigurata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, fino alla napoli contemporanea, per vicoli e palazzi, umide stamberghe e salotti sontuosi, seguiamo il destino dello scurnuso, una statuetta modellata da un apprendista di straordinario talento sulle fattezze del pastoraio tommaso iannacone. lo scurnuso, vale a dire "il vergognoso", raffigura un uomo male in arnese che "si vergogna" di come l'ha ridotto la malattia. inizio dell'ottocento. hanno dato l'anima a quel pezzo di creta le mani sensibilissime di sebastiano, cresciuto nel convento di sant'agostino a caserta e ceduto dalla badessa, ancora bambino, a iannacone come risarcimento per un lavoro non pagato. 1939-1943. lo scurnuso è arrivato un secolo e mezzo dopo nel palazzo del duca di albaneta, costretto poi a vendere al cardinale belmonte il presepe che da anni colleziona, mantiene e allestisce: è l'ultimo pezzo, quello più caro al suo cuore, di un patrimonio smembrato per offrire alla famiglia del figlio che ha sposato una ragazza ebrea - la possibilità di sfuggire alle leggi razziali e rifarsi una vita negli stati uniti. insieme alle statuette, il cardinale belmonte acquisisce i servigi del fedele giovanni scotti, impiegato postale e restauratore, che per anni ha aiutato il duca ad allestire il presepe e che si prende cura con pazienza innamorata dei preziosi e fragilissimi personaggi che lo compongono....

SIMENON GEORGES: IL FONDO DELLA BOTTIGLIA

Risguardo di copertina

accade molto di rado che simenon segnali che i personaggi e gli eventi da lui narrati sono «puramente immaginari e privi di qualsiasi riferimento a persone viventi o defunte». per capire come mai in questo caso ne abbia sentito il bisogno occorre tornare al 1945, quando al fratello christian, condannato a morte in contumacia per aver coadiuvato le ss in una spedizione punitiva che aveva fatto ventisette vittime, georges aveva consigliato di arruolarsi nella legione straniera: un modo per scomparire, certo, e per riscattarsi – ma anche, cambiando cognome, per non compromettere lo scrittore ormai celebre con una parentela imbarazzante. «è colpa tua! lo hai ucciso tu!» si sentì rinfacciare dalla madre allorché, ai primi di gennaio del 1948, lo stesso georges le comunicò la morte, nel tonchino, del figlio preferito. nei mesi immediatamente successivi, quasi volesse espellere i propri fantasmi, simenon scrisse due dei suoi romanzi più neri e potenti: la neve era sporca e il fondo della bottiglia. in quest'ultimo, uno stimabile avvocato, che è riuscito, partendo dal basso, a conquistarsi un posto nella ristretta comunità dei notabili di nogales, al confine tra gli stati uniti e il messico, vede vacillare tutte le sue certezze quando gli compare davanti, evaso dal carcere in cui scontava una condanna per il tentato omicidio di un poliziotto, il fratello minore – quello debole, irresponsabile, sfortunato, eppure dotato di un inquietante potere di seduzione –, che gli chiede di aiutarlo a passare la frontiera. nel piccolo mondo costituito dai ricchi proprietari dei ranch l'arrivo dell'estraneo scatena una sorta di psicodramma, che culminerà in una vera e propria caccia all'uomo, mentre, fra odio e amore, rancori e sensi di colpa, sbronze e scazzottate, si consuma la resa dei conti tra i due fratelli.

BAZZI AGATA: LA LUCE E' LA'

Risguardo di copertina

la famiglia ahrens è protagonista di una stagione magnifica nella storia di palermo: la "palermo felicissima" del primo novecento. albert, il patriarca arrivato nel 1875 dalla germania, diventa un entusiasta imprenditore di successo e sposa johanna benjamin, che sarà la madre dei suoi otto figli. fra campagna e città fa costruire una superba villa sulla cui facciata spicca la scritta "lik dör" ("la luce è là"), e sono anni di prosperità, di successo, di unità. seguono in sequenza eventi che intaccano la serenità della famiglia: il terremoto di messina, la prima guerra mondiale, la morte dei due figli maschi, e infine le leggi razziali che restituiscono gli ahrens alla loro identità ebraica. lo sfacelo economico conduce a un declino che non impedisce a marta, vera, berta e margherita di portare innanzi la "luce" dei valori che hanno sempre ispirato la famiglia: coraggio, dignità, rigore, speranza. la fusione fra storie individuali e storia movimenta il quadro di una saga che lascia al centro almeno tre figure femminili memorabili: johanna, intrepida e saggia costruttrice di fortune accanto al marito; marta, afflitta da una severa sordità che non le impedisce di "sentire" dove va il mondo e di governare gli affari; vera, ispirata dalla determinazione che era stata del padre.

SANSOT PIERRE: IL GUSTO DELLA CONVERSAZIONE

Risguardo di copertina

il saggio dice che tutte le più grandi decisioni della nostra vita pubblica si prendono a cena. ma perché ciò avvenga nel migliore dei modi, è importante capire la magia, il potere e l'arte della conversazione, che è qualcosa di molto diverso dalla confessione segreta, dal dialogo o dal colloquio, e non è solo un hobby destinato a divertirci: è soprattutto un'opportunità. oggi la conversazione è cambiata, non si conversa più soltanto a tavola ma soprattutto in chat. cosa cambia con la tecnologia? si può conversare solo con interlocutori davanti a noi o anche con dio e i poeti e gli scrittori che amiamo? soltanto tra amici o anche tra amanti? pierre sansot scrive un saggio brillante e gioioso, che insegna al lettore a esprimersi e saper ascoltare.

MARCOLONGO ANDREA: LA LEZIONE DI ENEA

Risguardo di copertina

vi siete mai chiesti perché, pur avendo dovuto tutti leggere l'eneide a scuola, fatichiamo a ricordare qualcosa che non sia la fuga da troia o la grande storia d'amore tragico con didone? perché abbiamo così facilmente dimenticato gli epici racconti sulle mitiche origini di roma e del suo impero? forse perché i versi del poema di virgilio non sono adatti ai momenti in cui le cose filano lisce e allora si va in cerca di avventura nella letteratura. il canto di enea è destinato al momento in cui si sperimenta l'urgenza di raccapezzarsi in un dopo che stordisce per quanto è diverso dal prima in cui si è sempre vissuto. enea è l'eroe che vaga nel mondo portandosi sulle spalle anziani e bambini. è colui che viaggia su una nave senza nocchiero alla ricerca di un nuovo inizio, di una terra promessa in cui ricominciare. è l'uomo sconfitto, colui che non ha più niente tranne la capacità di resistere e di sperare. un personaggio quanto mai attuale.

QUINN KATE: FIORI DALLA CENERE

Risguardo di copertina

charlie ha affrontato un lungo viaggio su strade ancora dissestate dai bombardamenti. ma adesso che è finalmente arrivata davanti a quella casa, esita. questa è la sua ultima speranza di ritrovare la cugina rose, scomparsa in francia sei anni fa, nel 1941. col cuore in gola, charlie bussa alla porta. ad aprire è eve gardiner, una donna burbera e piena di rancore, per nulla intenzionata ad aiutarla. sta per cacciarla via, quando charlie pronuncia il nome dell’uomo per cui lavorava rose. e allora lo sguardo di eve cambia. perché sono trent’anni che lei cerca quell’uomo. sono trent’anni che attende la sua vendetta. eve viene sempre sottovalutata: è giovane, timida, fin troppo silenziosa. il giorno del suo arrivo a lille, nel 1915, con un documento falso e l’entusiasmo dei suoi vent’anni, sembra una delle tante ragazze spinte in città dalla fame, abbastanza graziosa da essere assunta come cameriera, abbastanza insignificante da passare inosservata. nessuno sospetta che sia una spia inglese, e che capisca perfettamente le conversazioni sussurrate in tedesco dai soldati cui serve da bere. nessuno fa caso a lei. tranne il proprietario del locale, un collaborazionista scaltro e spregevole, che vuole aggiungerla alla sua collezione di conquiste. per eve, quell’uomo segnerà il suo trionfo e la sua rovina… charlie ed eve sono molto diverse, eppure condividono la stessa determinazione, lo stesso coraggio nel combattere per quello in cui credono. facendo affidamento l’una sull’altra, intraprenderanno un cammino costellato di pericoli e di segreti, perché la fine della guerra non significa per forza l’inizio della pace. ma solo scoprendo la verità saranno finalmente libere dai fantasmi del passato e pronte a guardare al futuro.

COSTANTINI ROBERTO: DA MOLTO LONTANO

Risguardo di copertina

1990, le calde notti magiche del mondiale in italia, il figlio di un ricco imprenditore e una ragazza povera: sembra l'inizio di un sogno, ma i due giovani spariscono nel nulla. michele balistreri indaga svogliatamente, stretto tra affaristi e malavitosi, donne troppo determinate o troppo emancipate, un magistrato nordista e un collaboratore meridionale che litigano su tutto, pure sulle colpe dei napoletani nell'eliminazione degli azzurri da parte di maradona. poi tutto precipita e alla fine un uomo viene arrestato. ma è davvero lui il colpevole? 2018. un macabro ritrovamento riapre il caso mentre l'unico condannato, uscito di galera, va in cerca di verità e vendetta. balistreri è in pensione e non ricorda, o non vuole ricordare. l'indagine è condotta dal suo ex vice corvu e dalla giornalista linda nardi. si scatena una lotta all'ultimo sangue tra uomini molto potenti e donne molto forti.

COSTANTINI ROBERTO: ALLE RADICI DEL MALE

Risguardo di copertina

tripoli, anni sessanta. quella dell'irrequieto mike balistreri è un'adolescenza tumultuosa come il ghibli che spazza il deserto. sullo sfondo della libia postcoloniale, gli anni giovanili di mike sono segnati da due atroci morti irrisolte, da due amori impossibili, dal coinvolgimento in un complotto contro gheddafi e da un patto di sangue che inciderà a fondo sia la pelle che l'anima a lui e ai suoi tre migliori amici. roma, settembre 1982. il giovane commissario balistreri di notte si stordisce con il sesso, l'alcol e il poker e di giorno indaga svogliatamente sulla morte di anita, una studentessa sudamericana assassinata al suo arrivo nella capitale. per un debito di gratitudine, è anche costretto a vegliare sulla scapestrata claudia teodori, che sembra lanciata verso una luminosa carriera di starlette. ma le morti di oggi e quelle di ieri sono legate da un filo invisibile, seguendo il quale michele balistreri sarà costretto a calarsi nelle zone più buie del suo passato, quei giorni "di sabbia e di sangue" con cui non ha mai chiuso i conti, in un cammino lungo il quale l'amore, l'amicizia e gli ideali si scontreranno con la ricerca di verità dolorose, nell'impossibilità di distinguere chi tradisce da chi è tradito. alla fine sarà il disperato eroismo di una ragazza a condurlo per mano fino alle radici del male.

COSTANTINI ROBERTO: BALLANDO NEL BUIO

Risguardo di copertina

1974. sono gli anni di piombo, e mike “africa” balistreri è un ventiquattrenne idealista e pieno di rabbia. studia all’università e si mantiene insegnando karate in una palestra frequentata dall’estrema destra romana. insieme a ringo, benvenuti e boccino milita in ordine nuovo, fino allo scioglimento per decreto dell’organizzazione. crollano allora molte convinzioni di africa: poter cambiare il mondo facendo a botte coi rossi e la polizia, distinguere nettamente i traditori dai traditi, capire quale tra le due ragazze che frequenta è quella giusta. sarà una p38 a dividere definitivamente i loro destini. 1986. nel giorno in cui la mano de dios di maradona affossa gli inglesi ai mondiali, la mano della p38 abbatte ringo, il vecchio compagno di militanza che ha fatto carriera nella dc. michele balistreri, ora commissario della omicidi, viene chiamato a indagare, nonostante il suo coinvolgimento personale nel caso. una lunga scia di sangue lo riporterà sul ciglio di quell’abisso del 1974. i nemici che deve affrontare sono tanti, e il peggiore è africa, quel ragazzino che il balistreri adulto ha sepolto sotto un cumulo di alcol, tabacco, donne e cinismo. ma quando l’odio e l’amore si risvegliano e le due ragazze di allora – quella giusta e quella sbagliata – si riaffacciano nella sua vita, non può più voltarsi e fuggire. per individuare l’assassino dovrà guardare in faccia africa e il suo passato e mettere in discussione molte delle sue certezze.

SILONE IGNAZIO: FONTAMARA


LANDINI RICCARDO: IL GIALLO DI VIA SAN GIORGIO

Risguardo di copertina

astore rossi lavora come restauratore di mobili antichi in una piccola città di provincia. uomo schivo, solitario e amareggiato dai ricordi del passato, coltiva soltanto i pochi legami indispensabili al suo lavoro. l’unica persona con cui ha allacciato un rapporto è luisa, un’anziana vicina di casa. quando lei muore, lasciandogli una misteriosa chiave e strappandogli la promessa di rimediare al male passato, astore si trova coinvolto, suo malgrado, nelle oscure vicende che riguardano la famiglia spada, cui luisa apparteneva. ci sono antichi e inimmaginabili segreti custoditi dalle stanze di una villa immersa nei boschi dell’appennino bolognese. e c’è qualcuno, spietato, che non vuole assolutamente che vengano scoperti. la posta in gioco per arrivare alla verità e mantenere la promessa fatta a luisa rischia di essere molto alta

HORNBY NICK: PROPRIO COME TE

Risguardo di copertina

lucy è un'insegnante di lettere, quarantaduenne, con due figli e un ex marito che con molta difficoltà cerca di essere almeno un padre decente. l'amica emma le invidia la sua condizione di single, che – immagina – le consentirà ben presto di fare sesso con una persona con cui non l'ha mai fatto prima, e si impegna instancabilmente nel darle consigli non richiesti. ma lucy non è pronta per una nuova storia, o forse non ha nessuna voglia di cominciarne una con un uomo che, sulla carta, sarebbe perfetto per lei: divorziato, bianco, colto, di mezza età. passa senza convinzione da un deprimente appuntamento al buio a una cena con uno scrittore un po' troppo pieno di sé. finché nella sua vita entra joseph. è il ragazzo che lavora al banco della macelleria, ma fa anche il babysitter e l'allenatore di calcio. però il suo sogno è diventare deejay. è troppo giovane per lucy. è di colore. ah, e forse voterà a favore della brexit. insomma, joseph e lucy non potrebbero essere più diversi, quindi tra loro non funzionerà mai. o invece sì? sullo sfondo di una storia d'amore piena di colpi di scena, arricchita da personaggi irresistibili perché incredibilmente veri, c'è la londra divisa dalla scelta sull'europa, che sembra spaccare il mondo in due: in famiglia, sul lavoro e in tutte le relazioni. nick hornby ci racconta, con la sua ironia sempre carica di profondità, che c'è un modo per vivere nelle differenze, per superare i pregiudizi, in amore come in politica. e che per fare un pezzo di strada insieme forse non è necessario, e nemmeno desiderabile, trovare qualcuno che sia proprio come te.